venerdì 16 dicembre 2011

23 giugno

Il prossimo 23 giugno la mia migliore amica/ex coinquilina/testimone di nozze si sposa.


Mi ha chiamata oggi per annunciarmelo. Sono molto contenta per lei e F., il suo ragazzo.


Ecco la telefonata.


"Che bello! Quindi il 23 è domenica?" 


"No, è sabato."


"Ah, ma non mi avevi detto che ti volevi sposare di domenica?"


"Si, ma in quella chiesa non fanno sposare di domenica."


"Che strano, va beh..."


"Senti, ti volevo dire una cosa a proposito dei testimoni... il prete ha detto 1 massimo 2..."


"Certo nessun problema. Hai due sorelle, ci mancherebbe altro... Scusa, però è un po' strano al prete che gli frega dei testimoni."


"Ah, poi è una chiesa che ha il vincolo storico e della Sovraintendenza dei beni culturali... Si può tirare solo il riso. Niente coriandoli o petali, che se fanno un controllo poi fanno la multa agli sposi."


"E., ma scusa... mi spieghi che cavolo di chiesa ti sei andata a scegliere? Ma una cosa più semplice no? Beh, senti anche se non sarò testimone mi piacerebbe essere coinvolta nei preparativi se ti serve una mano."


"Ah, ma quello era scontato."


"Si, va beh però vuoi mettere che figura da splendida ho fatto offrendomi spontaneamente?"




Temo che ci sarà da divertirsi ;)


 

2 commenti:

  1.  una splendida figura davvero:-)

    RispondiElimina
  2. matrimoni, paese che vai, usanze che trovi. e pure nello stesso paese a volte a seconda del celebrante cambia ciò che è consentito e cosa no... (mi riferisco nel mio caso alle musiche da cerimonia... premetto che avevo cmq scelto tutte musiche sacre, ma Handel e Mozart non andavano bene perchè "l'assemblea deve poter partecipare cantando alla cerimonia" e poi qualche mese dopo ti trovi a un matrimonio dove la cantante intona Dolce Sentire...)

    l'unica cosa che non mi torna è: se gli invitati lanciano coriandoli, come possono fare la multa AGLI SPOSI?? e che razza di prete preferisce lo spreco di cibo a cordiandoli o petali??

    RispondiElimina